Climate Change: anche nel Lazio la vite torna sopra i 1000 metri

20 Apr 2024 | News, newsletter

di Jacopo Manni

Incastonata nel cuore pulsante della Valle di Comino, tra cime imponenti degli Appennini a sud del Lazio, l’azienda vinicola “Fra i Monti” nasce come emblema di una tradizione rinnovata. Le vigne sono coltivate oltre i 1000 metri di altitudine; Rocco e Benedetto, amici non solo di lavoro ma di una vita intera, coltivano con sapienza varietali antichi che si nutrono di una terra che solo poco tempo fa veniva considerata proibitiva per la vite. Questo è un tempo di metamorfosi, dove il cambiamento climatico ha non solo ridisegnato le carte della viticoltura globale ma ha anche aperto nuove porte a chi, come questi artigiani del vino, ha saputo ascoltare e adattarsi ai sussurri del vento e ai capricci del clima. Con la loro visione lungimirante, Rocco e Benedetto hanno abbracciato la sfida del climate change, trasformando i limiti di un tempo in preziose opportunità.
I vini di “Fra i Monti” sono distillati di purezza e intensità, espressioni genuine di un territorio che si eleva verso il freddo e il cielo, quasi a voler andare oltre le nuvole. I loro vini ci parlano di paesaggi incontaminati e arie sottili, che regalano a questi nettari una personalità inconfondibile. Qui, la viticoltura diventa una sfida continua con l’ambiente, e i vini giocano tutto su un delicato e quasi proibitivo equilibrio che solo la passione e il rispetto per la spesso brutale natura possono insegnare.
Le tecniche artigianali, una cura quasi maniacale per ogni singolo grappolo, la raccolta manuale e l’uso limitato di sostanze esterne fanno dei vini “Fra i Monti” un esempio preciso e puntuale di come l’uomo possa, con il suo operato, esaltare la voce di un territorio senza mai sovrastarla. La vinificazione è condotta con la stessa filosofia: un rispetto assoluto per la vigna e per la pura espressione dell’uva.
Nella loro altitudine, praticamente un’ascensione, queste vigne si fanno custodi di una biodiversità che altrove invece scompare. L’ecosistema tutto trae beneficio da questo connubio tra agricoltura e ambiente montano.

Assaggiare i vini “Fra i Monti” è un’esperienza unica, un dialogo con la storia di un luogo e con l’amicizia di due persone che, con le mani in terra e lo sguardo alle stelle, continuano a sognare e a creare. Nel bicchiere, la ricchezza di un vino di montagna, che porta con sé la freschezza e la vitalità di altitudini un tempo silenti, ora risonanti della vita della vite.
In un mondo che cambia, “Fra i Monti” sta a dimostrare che non solo è possibile adattarsi, ma che si può prosperare, elevando l’arte del vino a nuove, vertiginose altezze.

Ultimi articoli

La primavera dei fieraioli

di Paolo Tamagnini La primavera nel mondo vitivinicolo è sinonimo di fiere. In questa stagione fioriscono gli appuntamenti europei più importanti e...